I Templari di Polonia

 

Image

I Templari sono arrivati a Chwarszczan nell’anno 1232. Hanno costruito un convento finaziata dal principe Wladysaw Odonica. Oggi come testimonianza del rango del posto è rimasta solo l’imponente, come dimensioni e forma archittetonica, cappella gotica.

Le ricerche archeologico-architettoniche sono iniziate con sei trivellazioni, e successivamente hanno iniziato a realizzare gli scavi. Sono stati fatti sei scavi, due dei quali vicino alle mura del tempio.
E’ stata ritrovata una parte del cimitero monaco e degli edifici in pietra posizionati nella parte occidentale. Vicino ai muri è stato ritrovato uno strato di fondo con un ingente e varia quantità di oggetti che ci aiutano a conoscere la vita dei monaci. Sono stati ritrovati numerosi frammenti di stoviglie in argilla, attrezzi realizzati in ossa come fischietti ed aghi, elementi in ferro come punte di frecce e monete.

All’interno della cappella sono stati realizzati dei lavori archittetonici, per salvare gli affreschi inumiditi presenti sulle pareti. Durante i lavori è stato ritrovato il relitto del pavimento medioevale. La scoperta più importante legata al commandorio è stata fatta negli scavi vicino alle mura della cappella. Si è scoperto lo strato legato al momento della costruzione.

I risultati hanno confermato che i Templari costruirono il loro tempio sulle rovine di un’antecedente piccola cappella con l’adiacente cimitero. Nello scavo vicino all’entrata murata della vecchia cappella, dalla parte meridionale, è stata ritrovata la tomba di un monaco, quasi sicuramente di un Templare, in parte coperta da una lastra di fondamento del successivo edificio.

Vicino al corpo del defunto è stata ritrovata una fibbia metallica di una cintura. La tomba, legata al primo cimitero dei monaci, fa parte del periodo dell’arrivo dei Templari a Chwarszczan, cioè a partire agli anni ’30 del XIII secolo fino all’anno 1280, nel quale è stata consacrata la nuova cappella.

I Templari di Poloniaultima modifica: 2012-02-12T16:15:00+00:00da giovannisantoro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento